Questo articolo è stato letto 329 volte!

Nella sera del 16 novembre arriva sul palco uno dei concerti più attesi del Roma Jazz Festival di questo anno, il power trio di Tony Levin, gli STICK MEN, gruppo il cui nome prende spunto proprio dal leggendario strumento suonato da Levin, il Chapman Stick, che riunisce insieme le corde del basso e della chitarra.

TONY LEVIN’S STICK MEN

Quando ho letto che Tony Levin con Pat Mastelotto avrebbero suonato al Roma Jazz Festival ho pensato subito che avrei cercato in ogni modo di accreditarmi, per poter fotografare due musicisti che da semplice spettatore ho ammirato con un gruppo leggendario come i King Crimson. Mentre vado al concerto so già che per me sarà una emozione particolare poterli fotografare ma anche ascoltare e immagino che l’anima dei King Crimson aleggerà per tutto il concerto.

Alla fine è stato così, grande soddisfazione di poter fotografare due grandi star, atmosfere crimsoniane e, anzi, il Re Cremisi si è materializzato con un paio di brani tra cui “Lark’s Tongue in Aspic Part Two” e il suo maestoso finale che ha chiuso l’esibizione. Un concerto a mezza via tra progressive e jazz rock, in cui la touch guitar di Markus Reuter è protagonista ma con il grandissimo supporto della sezione ritmica con Tony Levin che spinge il volume del suo Chapman Stick mentre Mastelotto rulla più da progressive che da jazz.

Comunque un gran concerto che le tante teste grigie che affollano la Sala Borgna manifestano di aver particolarmente gustato regalando applausi prolungati al trio.

Un particolare ringraziamento a GDG Press – Ufficio Stampa, ad Alessandro Gambino, a Ilenia Visalli e al direttore artistico del festival Mario Ciampà.



TONY LEVIN’S STICK MEN

Tony Levin – Chapman Stick

Markus Reuter – Chitarra elettrica

Pat Mastelotto – Batteria


Reportage fotografico di Adriano Bellucci


Iscriviti con la tua mail per rimanere aggiornato sugli articoli che pubblichiamo

Questo articolo è stato letto 329 volte!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.