Questo articolo è stato letto 514 volte!

Secondo appuntamento al Conservatorio di Santa Cecilia e Jazz Idea omaggia Wayne Shorter.

Jazz Idea 2023
Matteo Zaccheo, Carla Marcotulli, Roberto Bottalico

Continua la 2a edizione del Festival “Jazz Idea” del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, con la direzione artistica di Carla Marcotulli.

Il secondo appuntamento di domenica 5 marzo alle ore 18,  contiene una dedica al  sassofonista Wayne Shorter, scommparso da pochi giorni. Roberto Bottalico porterà sul palco il suo progetto “Il Favoloso mondo di Wayne“.

Carla Marcotulli, direttore artistico della rassegna: “Wayne Shorter è stato fonte di ispirazione di generazioni e generazioni. Con la sua improvvisa scomparsa, il concerto e la Masterclass dedicati alla genialità della sua composizione, prendono un significato ancora più profondo. Siamo felici e onorati di rendergli omaggio.”

Comunicato Stampa (Ufficio Stampa – Fiorenza Gherardi De Candei)

“Sul palco Roberto Bottalico presenterà il suo ultimo album Il Favoloso mondo di Wayne lo Strambo, pubblicato dalla Filibusta Records, e dedicato al pensiero musicale shorteriano che si muoveva in modo apparentemente simmetrico, ma che in realtà dava luogo a idee musicali che cambiavano continuamente forma, connotazione emotiva, armonica e melodica. Un mondo, quindi, pieno di fantasie e improvvisazioni, dove Bottalico dà forma e contenuto, grazie a un gioco di rimandi e immedesimazioni. Il risultato è la creazione di un universo fantastico e immaginario, raccontato in otto episodi con personaggi e vicende ogni volta diversi. Insieme a Bottalico, sul palco, Augusto Creni (chitarra), Alessandro Del Signore (contrabbasso), Massimo Di Cristofaro (batteria).”

Il pomeriggio si apre con il concerto di Matteo Zaccheo Quartet con il suo progetto “Little letters from a wandering alchemist“. Il progetto è del chitarrista Matteo Zaccheo  prendendo spunto dal mondo dell’alchimia. Le composizioni sono, originali e inedite, firmate Matteo Zaccheo, formatosi con l’ascolto e lo studio di brani che vanno dal jazz, al rock alternativo inglese, alla chitarra brasiliana contemporanea. Fanno parte de l quartetto: Vittorio Solimene (piano), Pietro Pancella (basso), Cesare Mangiacavallo (batteria). 



Little letters from a wandering alchemist

Matteo Zaccheo, chitarra
Vittorio Solimene, pianoforte
 
Fotografia Mario Coppola
 


Il Favoloso mondo di Wayne

Roberto Bottalico, sax tenore
Augusto Creni, chitarra
Alessandro Del Signore, contrabbasso
Massimo di Cristofaro, batteria

Fotografia Andrea Mercanti


Iscriviti con la tua mail per rimanere aggiornato sugli articoli che pubblichiamo

Questo articolo è stato letto 514 volte!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.