Questo articolo è stato letto 212 volte!

Casa del jazz, mercoledì 21 giugno 2023, doppio concerto con Javier Girotto & Alma SaxophonequartetGiovanni Tommaso Quartet, Walking in my Shadow

Javier Girotto & Alma Saxophonequartet

Formazione

Javier Girotto – Sassofoni
Simone Bellagamba – Sax soprano
Andrea Piccione – Sax alto
Francesco Desideri – Sax tenore
Andrea Leonardi – Sax baritono

Javier Girotto, nato a Cordoba il 17 aprile 1965, ha iniziato la sua carriera musicale suonando il clarinetto e il saxofono. Dopo aver studiato al Conservatorio Provincial De Cordoba, si è trasferito a Buenos Aires alla ricerca di opportunità nel jazz, ma senza successo. Successivamente, ha frequentato il Berklee College of Music a Boston, ottenendo un diploma in Professional Music e affinando le sue abilità con importanti insegnanti e suonando con vari artisti. Girotto ha poi iniziato la sua carriera in Italia, collaborando con diversi gruppi di musica commerciale e jazz e formando le sue formazioni musicali, tra cui Aires Tango. Ha registrato numerosi album e ha ricevuto il sostegno del pubblico per la sua fusione unica di tango e jazz. Ha anche formato il gruppo Cordoba Reunion, che esplora i ritmi e i suoni del folclore argentino.

L’Alma Saxophone Quartet è stato fondato nel 2019 da quattro compagni di studi con l’obiettivo di esplorare e valorizzare la versatilità del quartetto di saxofoni, proponendo repertori classici, jazz e brani originali. Sono attivamente coinvolti nella collaborazione con giovani interpreti e compositori, cercando di promuovere talenti emergenti. Nonostante la loro giovane età, hanno già partecipato a importanti stagioni concertistiche e collaborato con artisti di rilievo come Javier Girotto e Arthur Gottschalk. Hanno pubblicato due album, “Alma Likes to Be in America” nel 2021 e “Ensemble” nel 2020 in collaborazione con il Vittorio Cuculo Quartet.

Alcune foto del concerto, scattate da Andrea Mercanti.


Giovanni Tommaso Quartet – Walking in my Shadow

Formazione

Giovanni Tommaso – Contrabbasso
Rita Marcotulli – Piano
Javier Girotto – Sassofoni
Alessandro Paternesi – Batteria

Giovanni Tommaso inizia la sua carriera musicale come componente del Quintetto di Lucca nel 1958, dedicandosi al contrabbasso. Nel corso degli anni, ha viaggiato in tutto il mondo. Ora, sentendo il desiderio di guardare al passato e riscoprire le sue composizioni, si è immerso in una riflessione personale. Durante questa nuova avventura, ha coinvolto musicisti di talento straordinario, che si sono uniti al progetto con grande sensibilità e dedizione.

Rita Marcotulli (Wiki) La sua carriera professionale è iniziata negli anni ’70, suonando in piccoli gruppi, e successivamente ha collaborato con numerosi artisti internazionali di fama nel mondo del jazz. Tra i musicisti con cui ha lavorato ci sono Chet Baker, Jon Christensen, Palle Danielsson, Billy Cobham, Peter Erskine, Steve Grossman, Joe Henderson, Joe Lovano, Pat Metheny, Aldo Romano, Kenny Wheeler e molti altri. Nel 1987 è stata votata Miglior nuovo talento dalla rivista Musica Jazz. Nel 1988 si è trasferita in Svezia, dove ha vissuto fino al 1992, e successivamente è tornata in Italia.

Alessandro Paternesi (varie), figlio d’arte, ha svolto sia studi classici che moderni in particolar modo approfondendo il linguaggio jazzistico. All’età di quattordici anni ha frequentato il suo primo seminario di musica jazz con Massimo Manzi con il quale ha poi studiato per un anno. Successivamente si è iscritto al conservatorio di musica di Perugia, dove, nel 2007  ha conseguito il diploma di strumenti a percussione sotto la guida del maestro Domenico Fontana. La sua preparazione musicale è stata guidata da artisti di fama internazionale. Svolge regolarmente, da molti anni, un’intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare con molti artisti di fama nazionale ed internazionale.

Alcune foto del concerto, scattate da Andrea Mercanti.


Iscriviti con la tua mail per rimanere aggiornato sugli articoli che pubblichiamo

Questo articolo è stato letto 212 volte!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.